Cronologia GeneraleMille Anni di Scienza in Italia

Cronologia generale
1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900


1134 Gerardo da Cremona si trasferisce a Toledo. Traduce in latino numerosi testi scientifici; fra questi, il Canone di Avicenna, che diventerà uno dei punti di riferimento della medicina medievale; le opere mediche di Galeno, il Breviarium di Serapione, la Chirurgia di Albucasis. Gerardo traduce anche i primi tre libri delle Meteore di Aristotele, il primo libro del De septuaginta di Geber, lí Almagesto di Tolomeo e gli Elementa di Euclide.  
1150ca. Raffigurazione del cielo secondo Tolomeo Eugenio di Palermo traduce in latino líOttica (dallíarabo) e líAlmagesto (dal greco) di Tolomeo.
1156 Enrico Aristippo, arcidiacono di Catania, traduce il IV libro delle Meteorologiche di Aristotele, opera fondamentale per la storia dell'alchimia latina.  
1163 Papa Alessandro III proibisce ai monaci lo studio del diritto e della medicina.
1165 Muore Idrisi, naturalista e geografo. Ruggero II lo aveva invitato a lavorare a Palermo, dove aveva composto il Liber Rogerii, straordinaria opera cartografica, che raccoglie numerose mappe, tratte da diverse fonti.  
1180   Ruggero di Palermo, uno dei massimi esponenti della scuola salernitana, scrive la Chirurgia, considerata a lungo un classico nel suo genere. Alla fine del XII secolo Salerno è ormai il più importante centro di studi medici dell'Occidente. Il canone chiamato Articella o Ars Medicina, costituirà il nucleo testuale sul quale si baseranno i corsi universitari delle nascenti facoltà di medicina.

1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900

[ Indice cronologie | Indice biografie | inizio ]