Cronologia ChimicaMille Anni di Scienza in Italia

Cronologia Chimica
1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900


1220ca. A quest'epoca si data l' Ars alchimiae di Michele Scoto.
1224 Grande progresso nella distillazione in Italia: si fabbrica alcool a 95. Viene prodotta anche l'Aqua vitae.
1230ca. Giovanni di Alessandria, crea un nuovo modello di fornace per la pratica alchemica. E' menzionato da Michele Scoto ed è probabilmente autore di un Liber sacerdotum o Libro di Giovanni. In quest'opera sono elencati 207 procedimenti chimici, alcuni tradotti dall'arabo, altri di tradizione latina.
1230ca. Nicola il Peripatetico, che conosce l'ambiente di Toledo e di Salerno, compone le Quaestiones dove espone una teoria corpuscolare, ripresa dagli aforismi di Ursone. La parte finale riesamina il testo delle Meteore di Aristotele
1250-54 Il domenicano Alberto Magno compone il De mineralibus, forse il più importante tentativo di integrare l'alchimia nel sapere universitario. Alberto fa il quadro delle conoscenze alchemiche, utilizzando una grande quantità di fonti arabe e greche.
1253 Muore a settantuno anni Elia da Cortona. Amico e successore di Francesco d'Assisi, promosse la costruzione della basilica in suo onore ad Assisi (iniziata nel 1228).Si interessò sicuramente di alchimia. Grazie alla tradizione francescana la ricerca alchemica in Italia si collegherà sempre più a problematiche di natura spirituale.
1257 Costantino di Pisa compone il Liber secretorum alchimie.
1265-68 Il cistercense inglese Giovanni da Toledo, cardinale di curia di Clemente IV, esercita la pratica alchemica. Lo stesso Clemente IV in questi anni incoraggia l'opera di Ruggero Bacone, con interessi alchemici e medici.
1280ca. Inizia a circolare la Summa perfectionis magisterii, il più importante manuale di alchimia del Medioevo, attribuito a "Geber arabus", anche se l'autore della Summa non è l'autentico Geber (Jabir Ibn Hayaan).

1000 1100 1200 1300 1400 1500 1600 1700 1800 1900

[ Indice cronologie | Indice biografie | inizio ]