Istituto e Museo di Storia della Scienza, Firenze, Italia

HORROR VACUI?
                    Presentazione                   
La festa di Atlante Horror vacui? Crediti


"Esperienza per la quale cadde in animo al Torricelli, suo primo inventore, che il sostenersi nel voto l'argentovivo ed ogni altro fluido a determinate altezze, potesse avvenire dall'esterna natural pressione dell'aria".
Saggi di naturali esperienze fatte nell'Accademia del Cimento, Firenze 1666

 

La possibilitÓ dell'esistenza del vuoto era stata risolutamente negata da Aristotele nella sua Fisica, che domin˛ quasi incontrastata fino a metÓ del secolo XVII. La fisica pienista di Aristotele stimol˛ nel Medioevo l'elaborazione e la progressiva affermazione della teoria dell'orrore del vuoto da parte della natura. La teoria della ripugnanza al vuoto, che avrebbe indotto la natura ad impedire in ogni modo che il vuoto si potesse produrre era utilizzata per spiegare numerosi fenomeni, come il funzionamento delle pompe o dei sifoni: l'ascesa dell'acqua mediante tali dispositivi veniva infatti interpretata come un'azione compiuta dalla natura per impedire che, a seguito dell'aspirazione, si verificasse il vuoto.

La definitiva messa in crisi della teoria dell'horror vacui - che era giÓ stata discussa, ma senza argomenti conclusivi, da numerosi autori - costituisce uno dei grandi meriti di un discepolo di Galileo, Evangelista Torricelli. In un celeberrimo e straordinariamente semplice esperimento, compiuto a Firenze nella primavera del 1644, Torricelli mostr˛ infatti non solo che la natura non aborriva il vuoto, ma che era semplicissimo realizzarlo.


[ Avanti | Indietro | Presentazione | Indice | English ]