CERCA:

Esposizioni on-line > Homo Faber > Scienza >
Logo_Scienza
Natura scienza e tecnica nell'antica Pompei
Homo Faber
Scienza
NATURA TECNICA
 

4. L'ottica


Teti ed Efesto, Pompei
 
L'ottica si sviluppò nell'antichità attraverso due principali scuole di pensiero: quella secondo la quale la visione derivava dalle immagini dei corpi impresse sull'occhio, e quella che sosteneva, al contrario, che dall'occhio partissero dei raggi che andavano a colpire gli oggetti. Su questa seconda ipotesi Euclide propose un modello geometrico del meccanismo della visione che è rimasto sostanzialmente inalterato fino ai giorni nostri.
I Romani consideravano parte dell'ottica sia la scienza che studia la rifrazione dei raggi nei corpi densi, denominata diottrica, sia la catottrica, cioè lo studio dei raggi riflessi da corpi lucidi come gli specchi.
Derivate dall'ottica erano anche l'applicazione delle leggi della visione all'architettura e alle arti figurative.
     


 

Ricerca avanzata | Mappa del sito | Contattaci | Statistiche   © IMSS · Piazza dei Giudici 1 · 50122 Firenze · ITALIA